bg3-2880w.webp

Trattamenti podologici mirati

Per capire la causa che ha scatenato un problema del piede di carattere cutaneo o ungueale viene effettuato un primo esame generico sullo stato della cute e delle unghie.

 

Il problema potrebbe essere provocato dalla scarpa, dall’appoggio sbagliato o altri fattori.

 

Il trattamento podologico ha come obiettivo principale la gestione immediata del dolore attraverso l’utilizzo di strumentazione specifica (micromotore, tronchesi, sgorbie, lame sterili, etc.) e, in secondo luogo, l’individuazione delle cause al fine di proporre un piano terapeutico atto a risolvere il problema (ove possibile) o quantomeno ad attenuarlo.

 

All'interno della nostra struttura è presente una sala dove vengono effettuati i trattamenti podologici, le valutazioni biomeccaniche, l'analisi deambulazione e l'analisi baropodometrica statica e dinamica; infine, il laboratorio di produzione plantari ed ortesi digitali.

I trattamenti che effettuiamo

Onicocriptosi o unghia incarnita

La penetrazione del margine ungueale nel vallo ungueale, con relativa infezione batterica.


Generalmente nell’unghia incarnita appare, in una prima fase, un granuloma rossastro e sanguinante periungueale che tende ad espandersi divenendo rapidamente purulento e molto dolente limitando la deambulazione e rendendo difficoltoso l’utilizzo delle normali calzature.

FOTO+1-480w.jpg

Callo interdigitale (occhio di pernice)

Callosità tra dito e dito causato spesso da calzature con un ventaglio metatarsale poco ampio. Spesso è la pressione delle dita adiacenti a favorire la loro crescita.

Onicogrifosi

Sono lamine dove abbiamo un aumento del volume con alterazione del letto e della matrice ungueale. Oltre alle conseguenze estetiche, queste unghie risultano molto dolorose; la deformità e lo spessore creano infatti un conflitto con i tessuti sottostanti e al soggetto che ne soffre, può risultare difficile mettere le scarpe e, talvolta, camminare. 

Verruca plantare

Virus da contatto, frequente è il contagio in ambienti umidi come piscine saune etc.


Tra i fattori di rischio che facilitano l'attecchimento di ceppi di Papilloma Virus vi sono: la presenza di lesioni cutanee e l'indebolimento e delle difese immunitarie. Sono piccole protuberanze cutanee, spesso dolenti e fastidiose, che possono svilupparsi in una qualunque zona della pianta del piede.

FOTO-2-ONICOGRIFOSI-PRIMA-1920w.jpg

PRIMA

FOTO-3-ONICOGRIFOSI-DOPO-1920w.jpg

DOPO

FOTO-4-VERRUCA-PRIMA-1920w.jpg

PRIMA

FOTO-5-VERRUCA-DOPO-1920w.jpg

DOPO

Onicomicosi

L’unghia si ispessisce assumendo progressivamente un colorito tendente al giallastro a causa dei miceti che la contaminano.

Tra i sintomi si possono riscontrare: presenza di onicolisi (scollamento dell'unghia dal letto ungueale), sfaldamento ungueale e un cambio di colore dell'unghia e infine cheratosi. Una volta diagnosticata l’onicomicosi il primo approccio è la terapia podologica che procede attraverso l'eliminazione indolore della lamina infetta.